Spesso numerosi clienti mi contattato chiedendo quali opere possono fare liberamente e quali dietro apposita autorizzazione o permesso comunale. La disciplina che regolamenta l’edilizia libera è contenuta nel DPR 380/01 come recepito con modifiche dalla L.R. 16/2016 per quanto riguarda la Sicilia. Prima di elencare gli interventi liberi è bene precisare che questi devono essere, comunque, svolti nel rispetto delle normative vigenti di settore in merito alla sicurezza (del cantiere e degli impianti), nel rispetto e tutela dei beni artistici e ambientali e in base alle normative regionali e al piano di urbanizzazione locale vigente. Tra gli interventi realizzabili in regime di edilizia libera possiamo includere:

a. gli interventi di manutenzione ordinaria di cui all’articolo 3, comma 1, lettera a), del decreto del Presidente della Repubblica 6 giugno 2001, n. 380, come introdotto dall’articolo 1, ivi compresi gli interventi di installazione delle pompe di calore aria-aria di potenza termica utile nominale inferiore a 12 kW;
b. gli interventi volti all’eliminazione di barriere architettoniche, compresa la realizzazione di rampe o di ascensori esterni;
c. le opere temporanee per attività di ricerca nel sottosuolo che abbiano carattere geognostico, ad esclusione di attività di ricerca di idrocarburi, e che siano eseguite in aree esterne al centro edificato;
d. i movimenti di terra strettamente pertinenti all’esercizio dell’attività agricola e le pratiche agrosilvopastorali,
compresi gli interventi su impianti idraulici agrari;
e. le serre mobili stagionali, sprovviste di strutture in muratura, funzionali allo svolgimento dell’attività agricola;
f. l’installazione dei depositi di gas di petrolio liquefatti di capacità complessiva non superiore a 13 metri cubi;
g. le recinzioni di fondi rustici;

h. le strade poderali;
i. le opere di giardinaggio;
j. il risanamento e la sistemazione dei suoli agricoli anche se occorrono strutture murarie;
k. le cisterne e le opere connesse interrate;
l. le opere di smaltimento delle acque piovane;
m. le opere di presa e distribuzione di acque di irrigazione da effettuarsi in zone agricole;
n. le opere di ricostruzione e ripristino di muri a secco e di nuova costruzione con altezza massima di 1,50 metri;
o. le opere di manutenzione ordinaria degli impianti industriali di cui alla circolare del Ministero dei Lavori pubblici 16 novembre 1977, n. 1918;
p. l’installazione di pergolati e pergotende a copertura di superfici esterne a servizio di immobili regolarmente assentiti o regolarizzati sulla base di titolo abilitativo in sanatoria;
q. la realizzazione di opere interrate di smaltimento reflui provenienti da immobili destinati a civile abitazione.

In particolare per quanto riguarda la manutenzione ordinaria possiamo includere opere intese alla riparazione, sostituzione o rinnovamento delle finiture esterne di un edificio, senza modificarne i caratteri originari. Rientrano nella manutenzione ordinaria, ad esempio, le opere di riparazione o sostituzione del manto di copertura del tetto, purché si mantenga la forma, pendenza delle falde e materiali.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...